Studio legale: Separazione Giudiziale Milano

Separazione Giudiziale
La Separazione Giudiziale

La separazione giudiziale può essere chiesta – su istanza di parte – in tutti quei casi in cui la coppia non riesca a raggiungere un accordo sugli aspetti attinenti la fine del rapporto coniugale.

Fondamento della Separazione Giudiziale

Il coniuge ha diritto di chiedere la separazione giudiziale per circostanze oggettive che rendono non più sostenibile la prosecuzione dell’unione, “fatti tali da rendere intollerabile la prosecuzione della convivenza o da recare grave pregiudizio all’educazione della prole”. L’eventuale richiesta di addebito da parte di uno dei coniugi nel caso di violazione dei doveri derivanti dal matrimonio, costituisce, nell’ambito del procedimento, una pronuncia “accessoria” con la quale verrà attribuita all’altra parte la responsabilità della fine della convivenza e che inciderà sui diritti successori e sull’assegno di mantenimento.

Forma della richiesta di Separazione Giudiziale

La domanda di separazione giudiziale deve essere presentata nella forma del ricorso. L’atto dovrà esporre tutti i fatti a fondamento della domanda e indicare l’esistenza di figli di entrambi i coniugi.

Tribunale competente per la Separazione Giudiziale

Il ricorso deve essere depositato presso la cancelleria del Tribunale del luogo di ultima residenza dei coniugi o, in mancanza, del luogo in cui il coniuge convenuto ha la residenza o il domicilio. Nel caso in cui quest’ultimo sia residente all’estero o risulti irreperibile, la competenza è del Tribunale del luogo di residenza o domicilio del coniuge ricorrente; se anche questi risieda all’estero, il procedimento dovrà essere incardinato presso qualsiasi Tribunale della Repubblica.
Successivamente al deposito in cancelleria, verranno fissati con decreto la data dell’udienza di comparizione dei coniugi davanti al presidente, il termine per notificare il ricorso (unitamente al suddetto decreto) e quello entro il quale il coniuge “chiamato in causa” potrà depositare un proprio scritto difensivo.

L’udienza presidenziale

La prima delle due fasi nelle quali si articola il procedimento di separazione giudiziale è l’udienza di comparizione che si svolge dinanzi al solo presidente del tribunale.

All’ udienza, i coniugi devono comparire personalmente e con l’assistenza del difensore.

Se il coniuge che ha presentato il ricorso non si presenta o rinuncia, la domanda è prima di effetto; nel caso, invece, di mancata comparizione del coniuge convenuto, il presidente potrà fissare una nuova data per la comparizione disponendo il rinnovo della notificazione del ricorso e del decreto.

I coniugi verranno sentiti separatamente e poi congiuntamente dal Presidente il quale esperirà un tentativo di conciliazione al fine di farli desistere dal loro intento di separarsi. Nel caso in cui il tentativo dia esito positivo, verrà redatto il relativo processo verbale; in caso contrario, il Presidente adotterà i provvedimenti temporanei e urgenti nell’interesse dei figli e dei coniugi, nominerà il giudice istruttore fissando la dati di udienza che si svolgerà dinnanzi a questi.

Da questo momento il procedimento si svolgerà secondo le forme del rito ordinario e si concluderà con l’emanazione di una sentenza.

Per avere maggiori dettagli dall’Avvocato in merito la Separazione Giudiziale basta compilare il modulo sottostante dettagliando la questione nel campo “Contenuto”.

 




Previa lettura informativa, autorizzo il trattamento dei dati personali. Privacy Policy